All posts tagged: Talent Management

Are you ready for Generation Z?


Ok, you may wonder why we should already start thinking about the Z Generation, when we have not yet learnt to cope with Generation Y. I believe the answer is easy. As HR experts, we need to interpret the world that is forming in terms of talents, competencies, values, attitudes, lifestyles. If we really want to be able to interpret our role in today’s organisations, we need to help the new generation form itself. Well, ok, I hear what some of you are thinking. “Helping a generation to form” is not exactly what you find in a typical HR job description. But let’s face it. Recent times have shown that private companies are, in many ways, the real frontline to the needs and desires of a new generation. In many countries, the schooling system has ceased to offer a real strong support to the evolution of a generation, constrained by continuous budget cuts and an aging teaching body. Family is so challenged by today’s economic crisis, that it also cannot offer a real consolidation effort …

Human Capital Investor: una visione diversa del Talent Management.


In un recente articolo che ho pubblicato su Hamlet dal titolo Il Talento dei “Normali” ho discusso del fatto che troppo spesso il Talent Management si concentra sui “pochi” classificati come “Alti Potenziali”, sostanzialmente ricreando una situazione di “aristocrazia intellettuale” in azienda, e dimenticandosi che nessuna organizzazione può permettersi il lusso di non considerare che il lavoro è svolto da tutti i collaboratori dell’organizzazione. Ogni persona in realtà, entrando in azienda contribuisce con il proprio “talento” al successo dell’organizzazione. La questione che si pone non è quindi di rispondere unicamente alle esigenze di chi contribuisce con una quantità maggiore di talento, quanto piuttosto di “retribuire” questo talento in maniera appropriata, e di lavorare per svilupparlo in maniera opportuna. Da tempo ritengo che per comprendere questo concetto sia necessario cambiare paradigma nel concepire il rapporto tra azienda e mondo del lavoro. Quando si parla di recruiting, di attrazione dei talenti, non ci si può esimere dal fatto che ormai il mercato del lavoro per la maggior parte delle professionalità intellettuali si è evoluto in un “supplier …

L’effetto “Gap”


Gap è una delle aziende dell’abbigliamento di maggior successo negli Stati Uniti. Al gruppo appartengono vari marchi (oltre a GAP c’è Banana Republic) che negli ultimi anni, nonostante la crisi, hanno continuato a sostenere un certo ritmo di crescita. Gap stessa è però in un processo di “ringiovanimento” del suo brand, con una strategia di posizionamento che vuole dare al suo stile un appeal più “stiloso”. Questo processo strategico ha portato ad un vero e proprio rebranding del noto marchio, compresa la proposta di un nuovo logo. Tutto normale, tante aziende nel tempo hanno operato in questo modo. Spesso cambi di strategia di prodotto e azioni di rebranding hanno portato a modifiche di questo tipo in tantissime realtà. Per certi versi il percorso di Gap ha seguito i dettami di un classico manuale di strategia di branding. Ma è successo un fatto senza precedenti.